Peso in gravidanza: quanti kg si possono prendere?

Quanti kg si possono prendere nei 9 mesi? Qual è il giusto peso in gravidanza? L'aumento ponderale è uno degli aspetti della gravidanza che fa nascere più dubbi e ansie nelle donne.
Vediamo di quanto è opportuno aumentare durante la gestazione e qual è il giusto incremento calorico per fronteggiare i fabbisogni di energia e le necessità della madre e del bambino.

PERCHÉ SI "INGRASSA"?
L'aumento del peso corporeo in gravidanza, è un fenomeno fisiologico che avviene progressivamente in tutte le donne. In parte è causato dallo sviluppo del feto, dell'utero e degli annessi (liquido amniotico, placenta, membrane, cordone), ed in parte è dovuto allo sviluppo di depositi adiposi e alla ritenzione idrica (per lo più determinata dagli ormoni).
Nel primo trimestre non deve esserci necessariamente un aumento di peso corporeo (ciò anche a causa delle nausee). Infatti i kg in più solitamente cominciano a farsi vedere dal 4°-5° mese di gestazione, quando si prendono circa 300-400 g a settimana fino alla fine della gravidanza.
(Per rimanere sempre aggiornata sui nostri articoli inscriviti alla Newsletter). 

E' importante monitorare regolarmente il peso corporeo, così da accorgersi in tempo di eventuali anomalie e riferire il tutto al medico (sia se si aumenta troppo, perchè può essere un'anomalia indice di diabete ad esempio, sia se sia aumenta poco, perchè può indicare una scarsa nutrizione fetale o patologie in corso).

Dunque è bene controllare il peso periodicamente (una volta ogni 7-10 giorni va più che bene): l'ideale è sempre sulla stessa bilancia e sempre al mattino prima della colazione e dopo aver urinato.

QUAL E' IL GIUSTO AUMENTO PONDERALE?
L'aumento del peso ha lo scopo di garantire una nutrizione ottimale per la madre e per il feto, ma deve essere equilibrato senza esagerare nè in eccesso e nè in difetto.
Quindi di quanti Kg si deve aumentare? Si reputa ottimale un aumento di 10 Kg durante tutta la gravidanza, e comunque è sempre meglio non superare i 12-13 kg.


Ma l'ideale è valutare ogni singolo caso senza quindi generalizzare, perchè l'aumento ponderale in gravidanza dipende da diversi fattori, in particolar modo dall'indice di massa corporea pre-gravidico (BMI prima di rimanere incinta) e dal tipo di gravidanza, cioè se è singola o gemellare.

Il BMI è semplice da calcolare: si divide il peso corporeo che si ha prima della gravidanza espresso in Kg, per il quadrato della statura in metri (ad esempio se sei alta 1,60 m e pesavi 56 kg prima della gravidanza, il tuo BMI è 56/2.56=21,9).

Dunque dopo aver calcolato il BMI prima della gravidanza, verifica nella tabella seguente quale dovrebbe essere l'incremento ponderale auspicabile durante la gravidanza.

Peso in gravidanza: quanti kg si possono prendere?
Quindi per tornare all'esempio di prima, se il risultato è 21,9 significa che prima della gravidanza eri normopeso, quindi devi prendere come riferimento i valori nella riga di mezzo.

IN GRAVIDANZA BISOGNA MANGIARE PER DUE?
Non c'è diceria popolare più FALSA! Infatti il fabbisogno calorico della gestante non aumenta così tanto da dover mangiare il doppio: in gravidanza una donna ha bisogno di 1800-2600 Kcal al giorno, dipende dall'indice di massa corporea (IMC) con cui partiva ad inizio gravidanza.

Le calorie infatti, devono essere aumentate in base al BMI (sigla italiana IMC) pre-gravidico, come indicato nella tabella seguente:

Peso in gravidanza: quanti kg si possono prendere?

Quindi non serve mangiare il doppio, ma in modo sano, attento ed equilibrato.
Ovvio che se si fa anche un po' di movimento, come nuoto, acqua gym e passeggiate di almeno 30 minuti al giorno, è ancora meglio!

Buon appetito!

Per avere maggiori informazioni, contatta la tua Ostetrica di fiducia di Roma, Alessia Pontillo cliccando qui!